Colazione Time

Frollini alla Cannella

Quest’anno per Natale ho voluto regalare dei dolcetti HomeMade ai miei colleghi.. Sono sicura che un pensierino commestibile sia sempre gradito, ed infatti così è stato. Per la mia neo passione per la Cannella ho voluto sperimentare dei frollini con questa spezia, fatti con formine a tema natalizie: omini, alberelli, cuori, casette friabili e golosissimi!!!! Provateli per una bella pausa caffè, uno tira l’altro, ve lo assicuro. Con queste dosi ne vengono circa 50, ma non preoccupatevi, se non li finite tutti subito, durano una settimana chiusi in una scatola di latta.

INGREDIENTIIMG_20171221_195951_1

  • 250 gr farina
  • 100 gr zucchero
  • 60 gr zucchero di canna
  • 1 cucchiaino e mezzo di cannella
  • 1 cucchiaino di cacao
  • 1/2 cucchiaino di lievito
  • 125 gr burro
  • 1 uovo

PREPRAZIONE

Questa ricetta è abbastanza veloce, soprattutto se si ha una planetaria, ma anche in caso contrario la preparazione della pasta è veramente semplice. In una ciotola mescolare la farina con lo zucchero di canna, il cacao, la cannella e il lievito. Facendo un buco al centro aggiungere l’uovo e il burro ammorbidito e lavorare velocemente fino a ottenere un composto omogeneo.

IMG_20171221_200603 IMG_20171221_200748 IMG_20171221_200815

Il composto omogeneo non va troppo lavorato e, una volta pronto, formare un panetto, coperto con pellicola e lasciare rassodare in frigorifero almeno mezz’ora. Io ho fatto doppia dose, quindi sono venuti due panetti: ho ottenuto 100  frollini circa.

IMG_20171221_201054 IMG_20171221_202234

Una volta trascorso il tempo riprendere il panetto e stenderlo su una superficie infarinata con uno spessore di circa 3mm. Ritagliare quindi i frollini con la forma che preferite e adagiarli su una teglia rivestita con carta da forno. A me sono venute 6 teglie!!!! Cuocere a 180° per 10 minuti circa. Non cuocete oltre, anche se vi sembrano soffici una volta sfornati. Una volta raffreddati saranno perfetti!! Io li ho impacchettati in sacchettini da regalo, con annesso il logo del mio blog…vi lascio l’idea come ispirazione se volete fare anche voi dei regalini, altrimenti metteteli in una latta e gustateli con una bella fumante cioccolata (o un tè se non volete esagerare!!)…sono davvero buonisssssssimi!!!

IMG_20171221_231109 IMG_20171221_233148 IMG_20171221_233127

 

Crostata Ciocco-Cannella

Ciao,

eccomi di ritorno appena passato il Natale e Santo Stefano. Come è andata? Io ho messo su qualche chiletto, ma ho sfornato dei bei dolci che non vedo l’ora di mostrarvi!!! Oggi vi propongo una buonissima crostata, ovviamente cioccolatosissima con aggiunta di Cannella: io l’ho sempre sottovalutata la cannella, ma da quando l’ho scoperta ultimamente la metto ovunque, poi l’accostamento con il cioccolato è il Top!!!! Questa torta è abbastanza veloce da preparare e anche carina da vedere, con dei piccoli alberelli come decorazione. Provatela per una bella merendina con un tè caldo…non fermatevi proprio adesso, ce né ancora da mangiare!!!!

INGREDIENTI: IMG_20171216_151806_1

  • 350 gr farina
  • 150 gr burro morbido
  • 1 uovo intero
  • 2 tuorli
  • 130 gr zucchero
  • vanillina
  • pizzico di sale
  • PER LA GANACHE: 250 gr latte, 200 gr cioccolato fondente, 100 gr zucchero, 45 gr farina, 30 gr burro, cannella

PREPARAZIONE:

Iniziare a preparare la pasta frolla, che in questa versione risulterà abbastanza morbida e profumatissima, scioglievole al morso ma dalla consistenza friabile, ideale per raccogliere un ripieno abbondante. Con l’uso delle fruste montare il burro morbido con lo zucchero, aromi a piacere e un pizzico di sale. Il composto deve risultare cremoso, chiaro e spumoso.

IMG_20171216_152550 IMG_20171216_152734 IMG_20171216_153257

A questo punto aggiungere le uova una alla volta, sempre usando le fruste elettriche. E’ importante che prima di aggiungere il secondo uovo il secondo sia precedentemente amalgamato. L’impasto finale con le uova assorbite deve presentarsi liscio spumoso e privo di grumi.

Aggiungere la farina, precedentemente mescolata con il lievito e la vanillina, in un solo colpo e, con l’aiuto di una spatola, mescolare a mano. L’impasto si presenta morbido, ma deve essere così! Compattare velocemente e trasferire sulla spianatoia, lavorare poco formando una palla aiutandosi con altra farina. A questo punto sigillare l’impasto con una pellicola a contatto e lasciare raffreddare in frigorifero almeno 2-3 h

IMG_20171216_153422 IMG_20171216_153902

Una volta che ha concluso il tempo di riposo stendere l’impasto ad uno spessore di 4 mm e foderare uno stampo da crostata imburrato e infarinato (22 cm circa). Bucherellare con una forchetta e porre in frigorifero il guscio. Avanzare un po’ di frolla per preparare poi gli alberelli da usare come decorazione

IMG_20171216_160437 IMG_20171216_161441

Preparare il ripieno, ideale per crostata data la consistenza né troppo “budinosa” né troppo compatta e farinosa. Mettere il cioccolato tagliato a pezzi su un pentolino, insieme allo zucchero e alla farina, mescolando bene e accendendo il fuoco basso. Dopo pochi secondi il composto si rapprenderà in una palla morbida alla quale, a filo poco per volta, bisogna aggiungere il latte continuando a girare (non aggiungere altro latte finché il precedente non si sarà assorbito). Continuare finchè non si è esaurito tutto il latte. Continuare a girare a fuoco basso con una frusta a mano fino a quando la crema non diventa densa, liscia e senza grumi. Aggiungere quindi la cannella: io ne ho messo un bel cucchiaino pieno, ma provate voi la giusta quantità che vi piace.

Tolto dal fuoco aggiungere il burro e coprire con una pellicola a contatto e riporre in frigo a riposare.

IMG_20171216_155044 IMG_20171216_155336 IMG_20171216_155515 IMG_20171216_155813 IMG_20171216_162555

Passato il tempo di attesa della frolla e raffreddata la ganache, preparare gli alberelli con la frolla avanzata alti almeno 5 mm, posizionati su una teglia con carta da forno. Lasciateli riposare in frigorifero mezz’oretta (per fargli prendere bene la forma) e poi infilzateli con degli stuzzicadenti, con la parte che fuoriesce non superiore di 2 cm. Informarli a 180° per 10 minuti circa. Lasciarli poi raffreddare intanto che si prepara la torta

IMG_20171216_161716 IMG_20171216_162203 IMG_20171216_163810

Riempire il guscio di frolla con la ganache, chiudere l’orlo e infornare a 180° per 30 minuti. La crostata sarà pronta quando si forma una bella crosticina gonfia sulla superficie. Una volta sfornata lasciarla raffreddare bene almeno un paio d’ore prima di decorarla. Io ho decorato gli alberelli con la granella di zucchero, attaccandoli stendendo un po’ di miele sulla superficie dei frollini. Provate anche voi a decorarli come meglio preferite.

IMG_20171216_163110

Una volta pronta e raffreddata ecco conclusa la torta natalizia più bella che ci sia: una decorazione che simula un bosco invernale innevato, da presentare su una tavola durante queste feste per concludere una cena o durante una merenda. Resteranno tutti deliziati da questa crostata davvero golosa…si conserva una settimana, sempre che qualche fetta avanzi!!! Ecco la mia versione by photo…provate la vostra appena potete.

S.

IMG_20171218_073831 IMG_20171218_073920 IMG_20171218_074201

 

 

 

 

Crostata morbida alla frutta

Ciao,

ma quanto è bello sfornare dolci soprattutto se in compagnia. Oggi vi propongo un dolce semplice, che ho preparato insieme alla mia amica Sofia: desiderava una torta per il suo compagno, una torta che piacesse a lui, una torta fatta con il cuore…ed eccola qui la torta morbida con la frutta. E’ sempre bello fare dolci per la persona amata, il mio ragazzo è il primo dei miei fans…e quindi trovate anche voi una torta del cuore e fatemi sapere, potremmo sperimentarla insieme qui sul blog molto volentieri!!! Adesso lanciamoci in questa ricetta.. grazie a Sofia che è stata bravissima e si è prestata felicemente per essere fotografata  🙂

INGREDIENTI:

  • 2 uovaIMG_20171202_104540
  • 100 gr di zucchero
  • 80 gr di burro
  • 100 ml di latte
  • 150 gr di farina 00
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 4 tuorli
  • 40 gr di amido di mais
  • 100 gr di zucchero
  • 400 ml di latte
  • buccia di un limone
  • frutta a piacere

PROCEDIMENTO: 

.

Per fare questa torta anticipo già che servirà lo stampo furbo, quello con la rientranza che alla fine creerà una conca dove inserire la crema. Imburrare e infarinare bene lo stampo così che la torta non resti attaccata allo stampo.

IMG_20171202_104855 IMG_20171202_104843

Iniziare a preparare la base morbida montando le uova con lo zucchero, ai quali andrà aggiunto a filo il burro fuso freddo e il latte

IMG_20171202_105512 IMG_20171202_105617 IMG_20171202_105632

In ultimo aggiungere la farina e il lievito e mescolare finché non si sarà ottenuto un impasto liscio ed omogeneo.

IMG_20171202_105818 IMG_20171202_110100 IMG_20171202_110159

Rovesciare quindi nello stampo imburrato e informare, con forno già caldo a 180°, per circa 20 minuti. Risulterà morbida e dorata

IMG_20171202_110244 IMG_20171202_110436 IMG_20171202_112513

Preparare la crema pasticcera intanto che la torta cuoce. In una terrina montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la fecola setacciata. In un pentolino portare a bollore il latte con le bucce di limone. Versare il latte caldo sul composto di tuorli, mescolando con un frustino velocemente. Dopodiché rimettere sul fuoco e far rassodare per alcuni minuti. Una volta pronta lasciare la crema raffreddare in frigorifero.

IMG_20171202_111213 IMG_20171202_111521 IMG_20171202_111945

Nell’attesa di raffreddamento della base e della crema passare a tagliare la frutta: utilizzate quella che meglio credete, noi abbiamo preso more, fragole e kiwi. Importante è non lavare la frutta perché altrimenti prendendo acqua tenderà a marcire più in fretta.

IMG_20171202_112529

Una volta pronta la base e raffreddata la crema possiamo assemblare il tutto: crema all’interno del guscio e frutta a decorare il tutto.

IMG_20171202_113103 IMG_20171202_115046_1 IMG_20171202_115743

Sofia è stata bravissima e precisissima nella decorazione ed ecco qui il piccolo capolavoro.

IMG_20171202_121014 IMG_20171202_121001 IMG_20171202_123459

Bravissima alla mia amica!!!Provatela anche voi questa torta…è davvero semplice, buona e grandissimo effetto nella sua perfezione. Lasciatela qualche ora in frigorifero che prende consistenza e tutti gli ingredienti si amalgamano al meglio.. provate per credere e fatemi sapere.

S.

 

 

 

Torta Frangipane

Ciao,

che soddisfazione quando porti una bella torta al lavoro e tutti i tuoi colleghi, entusiasti, ti fanno i complimenti. Così è stato qualche giorno fa con questa buonissima torta, una ricetta che avevo già sperimentato quest’estate e che ho voluto riproporre perchè mi aveva conquistata: la crostata frangipane è una torta deliziosa a base di mandorle.  La crema frangipane è il suo ingrediente principale, su una base di pasta frolla all’olio e marmellata.  La marmellata di ciliegie o frutti di bosco è l’abbinamento ideale per questa torta perché si sposa perfettamente con il sapore delicato delle mandorle. La ricetta della crema frangipane mi fa letteralemente impazzire!!!!! provatela anche voi perchè una volta assaggiata non la lascerete più!!!

INGREDIENTI

Per la crema frangipane:d917f087-4aac-4f2d-a9d4-f1d283060eee

  • 150 g burro ammorbidito
  • 150 g zucchero
  • 150 g farina di mandorle (o mandorle tritate nel frullatore)
  • 3 uova
  • 50 g farina
  • 1 fialetta essenza mandorla

Per la frolla all’olio e la farcitura:

  • 2 uova
  • 100 g zucchero
  • 80 g olio di girasole
  • 320 g farina
  • 1/2 bustina lievito per dolci (8 g)
  • 250 g marmellata di ciliegie o altro gusto per farcire
  • q.b. mandorle in scaglie per decorare

PREPARAZIONE:

Iniziamo a preparare la crema frangipane prendendo le mandorle pelate e tritandole nel mixer (in alternativa è possibile usare lo stesso peso di farina di mandorle). In una ciotola versare il burro ammorbidito e lo zucchero.

d4a74ac6-4c71-442d-a398-2ef39b196a29 24e50ff8-a903-430b-9e7e-cd884aa75b06

Montare il tutto con uno sbattitore elettrico quindi aggiungere le uova incorporandole una per volta e frullando pian piano. Aggiungiamo quindi una fialetta di aroma alle mandorle e poco per volta le mandorle tritate sempre con l’uso dello sbattitore.

3072d0d3-7f98-47f4-80e8-c74711d596cdc78124d7-2621-4ebe-8e82-947797dcc01c

Infine incorporare la farina piano piano continuando a mischiare con il frullino e la crema frangipane è pronta. Teniamola da parte mentre prepariamo la frolla.

8a87e954-3fc2-415e-b4d4-6aae6a6a3f93 e0325e90-285b-4f2a-a787-3624a8d26122

Per preparare la frolla all’olio (una frolla che potrete usare anche per le vostre crostate o frollini!!!) mettere in una ciotola due uova e lo zucchero, l’olio di semi e mezza bustina di lievito. Iniziare ad impastare e aggiungere la farina poco alla volta. Lavoriare bene la pasta frolla fino a ottenere una consistenza liscia ed omogenea. L’impasto può essere subito utilizzato e non necessità di tempo di riposo in frigorifero.

adb58cc7-1625-4575-af1f-a176c96a1d80 447ebb99-4543-4303-8a82-71789795f2c3 27d7ea4c-4f11-4c70-a435-274b49c2c2fe

Ungere e infarinare uno stampo rotondo da 24-26 cm di diametro. Prendere 3/4 della pasta frolla e la stenderla con il mattarello su un foglio di carta da forno infarinato. Quindi aiutiamoci con questo per rovesciarla sullo stampo e rimuovere il foglio. Con un coltello tagliare i bordi in eccesso.

75dc11c2-3a17-4dc7-b1aa-9820c73f5b66 048ca233-a28c-44ab-91aa-0cbeecef2a8febb4742a-9bd1-4215-a55b-232593008e9c

Versare la marmellata di ciliegie, o del gusto scelto, sulla base dalla nostra crostata frangipane e riempire tutta la torta con la crema frangipane livellando bene la superficie con un cucchiaio. Con il resto della pasta frolla preparare delle treccine per decorare la crostata sul bordo e poi al centro. Su tutta la superficie decorare con mandorle a scaglie (o come ho fatto io tritate)

cda200f3-16ae-477a-80ad-53d0a404c7e6 beba8492-e090-4f30-a18c-943f22d8d654 3bf558e7-8fc2-4ce8-8048-1c56758e48af

Cuocere in forno a 180° per 45 minuti (forno statico). Attenzione a non far bruciare o scurire troppo la superficie, che con le mandorle è molto facile che succeda. A fine cottura la crostata sarà dorata in superficie, togliere dallo stampo e lasciarla raffreddare completamente prima di tagliarla, anzi è ancora più buona il giorno dopo! L’impasto è molto soffice e si scioglie in bocca, e la pasta frolla friabile e le mandorle all’esterno creano un mix sublime! Dovete provarla assolutamente!

S.

104dfc0e-0cfc-4ed2-9d41-f6d780ed753c b9e94107-cb2c-4546-a637-7358c9343aab 19f62c4f-f828-43dd-a69b-175fc4801e16

 

Torta Russa di Verona

Ciao a tutti,

oggi prepariamo insieme una torta tipica di Verona ma dal nome che con questa città proprio non centra nulla…la torta russa!!!L’origine del nome è dubbia: c’è chi dice che derivi dalla sua particolare forma che ricorda un colbacco (il copricapo caratteristico dei popoli russi) mentre secondo altri dal suo essere stata inventata da un pasticcere veronese che lavorava sulle navi da crociera nei mari del nord. Io l’ho conosciuto perché proprio in questa graziosa città ne ho mangiata la prima fetta e me ne sono innamorata: uno squisito dolce, un aroma intenso di mandorle e amaretti all’interno di un croccante guscio di pasta sfoglia. Connubio perfetto per accompagnare una bella tazza di tè fumante no? Provatela anche voi…è davvero economico e semplice nella preparazione, ma molto saporito e particolare nel gusto, ve lo assicuro!!

INGREDIENTI:

  • Un rotolo di pasta sfoglia rotondadd708114-0762-4fc6-9b9b-ca590e019f44
  • 100 gr di amaretti
  • 100 gr di mandorle pelate
  • 200 gr di zucchero
  • 200 gr burro
  • 3 uova
  • 170 gr farina
  • una bustina di vanillina
  • mezza bustina di lievito

 

PREPARAZIONE:

Iniziamo preparando il ripieno montando a crema le uova con lo zucchero. Nel mentre tritiamo grossolanamente, con l’aiuto di un mixer, le mandorle e gli amaretti.

676b4910-da39-49bd-b010-1ecbccf864eb e5b56117-eb6c-455d-9d41-8490ededdbd6 067befbb-ef10-45de-8948-090a3c133035

Unire quindi al composto di uova e zucchero tutti gli ingredienti a poco a poco continuando a mescolare: la farina setacciata con il lievito e la vanillina, in seguito il burro sciolto e raffreddato e per ultimi le mandorle e gli amaretti tritati.

6da55813-623a-415a-b402-4c0e5d9d05c3 74649006-b8bb-428d-abb0-86c02df296f1 227c0603-5de9-40ea-9a72-4554bcfc32a1

Quando tutti gli ingredienti sono ben amalgamati, stendere la pasta sfoglia e foderare una tortiera di circa 20-22 cm: è importante lasciare i bordi abbastanza alti che escano all’esterno della teglia perchè dovranno poi coprire un pochino il ripieno. Io ho lasciato la carta da forno che era già presente nella confezione della pasta, in alternativa imburrate e infarinate la tortiera. Versare quindi il composto e coprire più possibile con i bordi eccedenti.

b723d644-42ea-4b76-a8d9-16cf975cdf9ea6d001ac-6ae0-422a-bbcf-4ed3c0476a96

La torta deve essere cotta a 180° per circa 45 minuti: prestate attenzione che la torta non si scurisca troppo in superficie..in caso copritela a metà cottura con un foglio di carta da forno per evitarlo. Vi consiglio di lasciarla raffreddare prima di mangiarla, per di più il giorno seguente è ancora più buona!!!!

Per chi è intollerante al lattosio consiglio comunque questa ricetta utilizzando al posto del burro la margarina.

Ecco com’è venuta!!! Io l’adoro!!La pasta sfoglia croccante, il ripieno morbido e rustico con le mandorle e gli amaretti..davvero un dolce della tradizione che piacerà a grandi e piccini!!! Provate per credere!!!

8aa489e6-41ee-4eaa-9374-d24f3352f997 94eb4e0c-a540-4992-bf8a-0e7033d8b802 bf627179-c045-49b1-99dd-8f20b080c166

S.

FLAUTI Home-made

Ciao,

rieccomi con una nuova ricettina per voi..ormai mi sono appassionata ai lievitati e, nella ricerca di un dolcetto per la colazione della domenica, mi è venuta voglia di fare una briochina, di quelle che si mangiavano durante l’intervallo da bambini, ma quale?! Ho trovato ispirazione da un classico delle brioches industriali..una delle più famose e delle più amate..i FLAUTI delle Mulino Bianco. Io li adoro e li adoravo: piccoli, ripieni di crema o di cioccolata, morbidi e dolci giusto per togliere un piccolo sfizio. A casa mia però non si vedono più merende confezionate da molti anni, ormai da me si mangiano solo dolci Home-made e quindi perchè non provare a replicare questo dolce in casa? Sicuramente sarà più genuino, più dosato, più personalizzato e sicuramente buonissimo…e poi che soddisfazione prepararsi un Flauto in casa no? Provate anche voi..vedrete che bontà

INGREDIENTI (per circa 8 flauti)

  • 260 gr di Farina 00IMG-20171018-WA0003[1]
  • 60 gr burro morbido
  • 70 gr zucchero semolato
  • 100 ml latte
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina lievito Mastro Fornaio (non vorrei far pubblicità ma è il migliore!)

PREPARAZIONE:

In un’ampia ciotola mettere la farina, il sale, lo zucchero. Mescolare bene (a mano o con l’uso del gancio di una planetaria) e aggiungere il latte.

Aggiungere poi l’uovo sbattuto e poi il burro fuso raffreddato: effettuare questo procedimento un pò per volta, aspettando che il burro precedentemente inserito sia stato bene assorbito. Mescolare dopo ogni aggiunta, perchè deve essere ben incorporato. Lavorare tutto molto velocemente per almeno dieci minuti

IMG-20171018-WA0004[1] IMG-20171018-WA0007[1] IMG-20171018-WA0001[1]

L’impasto sarà all’inizio appiccicoso, ma poi guadagnerà elasticità e compattezza: si otterrà un impasto liscio, omogeneo e burroso, facilmente staccabile dai bordi della ciotola. A questo punto formare una palla e porla in una ciotola capiente imburrata e infarinata. Coprirla con un canovaccio e lasciar lievitare per almeno due ore in un luogo tiepido e asciutto (io solitamente in forno spento con temperatura di 50°). Il volume dell’impasto, come si vede in foto, dovrà triplicare.

IMG-20171018-WA0006[1] IMG-20171018-WA0002[1]

Una volta pronto infarinare il piano da lavoro e cominciare a stenderlo con un mattarello e con l’aiuto delle mani (è infatti molto elastico): preparare dei rettangoli spessi circa 4 cm e di dimensione di circa 12×15 cm (io ho usato un righellino, ma non mi sono venuti precisi comunque, ma non preoccupatevi..il bello dell’home-made è proprio questo, che sono tutti diversi l’uno dall’altro!!) Sul lato corto creare delle frange larghe circa 1,5 cm e lunghe circa 4 cm.

IMG-20171018-WA0008[1] IMG-20171018-WA0011[1] IMG-20171018-WA0012[1]

Arrotolare poi ogni rettangolo su se stesso partendo dal lato corto non tagliato, facendo in modo che la parte finale delle frange sia posizionata sotto la brioche: in questo modo si eviterà che si aprano durante la cottura.

IMG-20171018-WA0013[1] IMG-20171018-WA0016[1]

Disporre i flauti su una teglia ricoperta da carta da forno, coprirle con un panno e lasciar lievitare un’altra oretta. Una volta pronte spennellare con latte e cospargere con zucchero le brioches.

IMG-20171018-WA0017[1] IMG-20171018-WA0018[1]

Cuocere quindi in forno già caldo a 180° per circa 12 minuti, o fino a quando non saranno dorati in superficie.Toglierli quindi dal forno e aspettare che raffreddino. Una volta freddi tagliarli a metà e farcirli come meglio preferite: cioccolata, marmellata, crema pasticcera, crema al pistacchio, burro, miele e le più svariate granelle. Io ho scelto la marmellata di more per alcuni e la cioccolata con pistacchio o con cocco per altri, ma davvero, in questa fase sbizzarritevi come credete e come più vi piace!!!

IMG-20171018-WA0022[1]IMG-20171018-WA0019[1] IMG-20171018-WA0020[1]

Ecco quindi a voi i flauti, questi piccoli panini dolci lievitati che tanto abbiamo amato da bambini (e che in tanti ancora amano!). Cosa c’è di più bello che provare a farli Home-Made. Come avete visto la ricetta non è complessa e davvero otterrete un ottimo risultato per una colazione genuina e sfiziosa!! La merendina confezionata fatta in casa non è da tutti, stupirà grandi e piccini sicuramente!!!! Provate per credere e ovviamente fatemi sapere!!

S.

IMG-20171018-WA0015[1]  IMG-20171018-WA0021[1] IMG-20171018-WA0024[1]

 

 

Torta di Rose

Ciao,

che ne dite di sperimentare una bella torta lievitata quest’oggi? Non sono mai state il mio forte, ho sempre avuto problemi con la la lievitazione e le attese infinite, ma dopo aver provato questa ricetta mi sento una super panificatrice! Questa torta volevo farla da tantissimo tempo, mi ricorda tantissimo le merende a casa di una amica e oggi ho voluto replicarla: con qualche consiglio che vi posso dare sicuramente otterrete un ottimo risultato…una torta non magrissima ovviamente (burro e zucchero puro!!) ma che per una colazione potremmo anche concederci una volta no??! Provatela anche voi e fatemi sapere..ecco come farla

INGREDIENTI:

  • 500 gr farina 00IMG-20171013-WA0005[1]
  • 100 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 80 gr burro fuso tiepido
  • 140 ml latte tiepido
  • bustina di vanillina
  • cucchiaino di sale
  • una bustina di lievito di Birra “Mastro Fornaio” Paneangeli
  •        PER FARCIRE: 100 gr burro temperatura ambiente+100 gr zucchero

 

PREPARAZIONE

La preparazione dell’impasto può essere fatto sia a mano che con la planetaria. Vi fornisco la ricetta per compierla a mano dato che sarà il caso di molti, ma per chi avesse la planetaria può inserire tutti gli ingredienti nella terrina e impastare.

Iniziare setacciando la farina in una terrina larga mescolando il Lievito di birra Mastro Fornaio: vi consiglio questo perchè non ha bisogno di essere sciolto in acqua o latte e attendere perchè si attivi, ma si attiva da solo durante la lavorazione soltanto con l’aggiunta di zucchero. Io mi sono trovata benissimo, costa poco e si trova ovunque… ve lo consiglio per evitare qualsiasi altro problema, dove purtroppo mi sono già incartata in altre situazioni.

Al centro del mucchio praticare una buca e versarvi zucchero, vanillina, sale, uova e burro tiepido. Amalgamare il tutto con una forchetta, aggiungendo un po’ per volta il latte tiepido.

IMG-20171013-WA0006[1]  IMG-20171013-WA0008[1] IMG-20171013-WA0007[1]

Una volta ottenuto l’impasto (sia lavorato a mano o con la planetaria) lavorarlo sul piano del tavolo infarinato per almeno 10 minuti, allargandolo con i pugni chiusi, riavvolgendolo e sbattendolo sul tavolo fino al completo assorbimento del liquido. Rimettere quindi l’impasto nella terrina infarinata, coprirla con un canovaccio umido e porlo a lievitare in luogo tiepido, come il forno scaldato a 50°, poi spento, e con luce accesa) fino a quando il suo volume sarà raddoppiato (ci vorrà un’oretta e mezza)

IMG-20171013-WA0009[1] IMG-20171013-WA0010[1] IMG-20171013-WA0003[1]

Cominciare intanto a preparare la farcitura lavorando il burro a crema, aggiungendo gradatamente lo zucchero: consiglio di usare lo sbattitore per questo lavoro. Io ho scelto il ripieno classico per questo genere di torta, ma ovviamente voi potete provare tutto ciò che più vi piace: crema pasticcera, Nutella, crema di pistacchio, marmellata e tutto variegato come meglio volete partendo dalle gocce di cioccolato, al cocco, allo zenzero, al limone o alla mela…sbizzarritevi!!!

IMG-20171013-WA0013[1] IMG-20171013-WA0012[1]

Passato il tempo di lievitazione con un matterello stendere l’impasto ben lievitato in una sfoglia rettangolare (35×50 cm circa), spalmare la crema di farcitura e quindi arrotolare la sfoglia dal lato più lungo. Tagliare quindi il rotolo in 12 pezzi uguali (io ho usato un metro per prendere più o meno le misure!!)

IMG-20171013-WA0011[1] IMG-20171013-WA0014[1] IMG-20171013-WA0002[1] IMG-20171013-WA0015[1]

Sistemare in uno stampo (di 26 cm) semplicemente imburrato e infarinato oppure foderato con carta da forno. Mettere quindi a lievitare una seconda volta in luogo tiepido per 20 minuti circa (io ho messo ancora nel forno coperto da un canovaccio a temperatura di circa 40°) . Le girelline ora saranno belle sode e unite tra loro. Cuocere per 25 minuti nella parte media del forno preriscaldato a 210° (tenete d’occhio che la parte sopra non cuocia troppo e si bruci…piuttosto abbassare di un livello nel forno la teglia)

IMG-20171013-WA0001[1] IMG-20171013-WA0017[1] IMG-20171013-WA0016[1]

Una volta sfornata la torta si può o mangiare tiepida (che secondo me è squisita) oppure direttamente una volta raffreddata. Secondo me è una bontà vera e propria questo bel mazzo di fiori…ecco com’è venuto

IMG-20171013-WA0000[1]   IMG-20171013-WA0020[1] IMG-20171013-WA0022[1]

12 bellissime roselline briochate, ripiene di una dolce crema al burro e zucchero.. erano talmente buone che ho fatto giusto in tempo ad assaggiarne un pezzetto prima di vederla spazzolata via… provate per credere!!! Prima prova con un lievitato top!!!! Fatemi sapere se vi è piaciuta!!!

S.

 

 

 

La torta di mele..della Mamma!

Ciao a tutti

quest’oggi ho deciso di postare una ricetta che onestamente non mi fa impazzire, ma solo per gusto personale: una choco lover come me non è molto amante di torte con la frutta, ma diciamo che bisogna sperimentare un pò tutto nella propria attività di pasticcera e accontentare un pò anche i gusti degli altri e non solo i proprio. Per quanto riguarda le torte a base di frutta in casa c’è la mamma che è la massima esperta: lei con il suo quadernetto delle ricette dispensa ottimi consigli e diciamo che il suo cavallo di battaglia è proprio quello che oggi vorrei proporvi, la torta di mele. La classica torta da colazione, da merenda, da serata in cui non si ha voglia di cenare ma solo di mangiare un bel dolce…una torta che ognuno una volta nella vita deve provare a fare (anche perchè è davvero semplicissima). Provare per credere.

INGREDIENTI:

  • 150 gr farinaTORTA DI MELE TORTA MELE
  • 50 gr maizena (o la fecola di patate)
  • 125 gr burro
  • 150 gr zucchero
  • 2 tuorli
  • 1 uovo intero
  • 4 mele tagliate a cubetti (meglio usare le “Renette”)
  • 1 bustina lievito
  • mezzo bicchiere latte

PREPARAZIONE:

Cominciamo la preparazione di questa torta che è davvero molto semplice:

  • Sbattere con le fruste i due tuorli e l’uovo intero con lo zucchero fino a ottenere una crema chiara e spumosa
  • Unire quindi il burro fuso precedentemente e ormai raffreddato
  • Setacciare insieme farina, maizena e lievito
  • Sempre montando con le fruste aggiungere un pò per volta il composto di polveri sempre usando il setaccio
  • Quando le polveri saranno completamente incorporare, abbassate la velocità delle fruste elettriche e versare il latte a filo a temperatura ambiente: quando il latte sarà ben incorporato fermare le fruste che l’impasto è pronto
  • Tagliare le mele a cubetti e versarle nell’impasto: mescolare delicatamente dall’alto verso il basso con un mestolo per non smontare il composto
  • Imburrare e infarinare una tortiera da 24 cm e versare l’impasto: deve cuocere a 180° per 40 min circa (fare sempre la prova dello stecchino!)
  • Una volta sfornata cospargere di zucchero a velo a piacere solo una volta raffreddata

Ecco com’è venuta questa dolcissima torta

TORTA DI MELE eb0b5866-b7d9-4c3f-aa3b-80cd21020eac ceac3016-4fbd-4626-9c0d-5f99bd9c63f5

Una torta che solo il semplice profumo vi farà ritornare bambini, che già di per sé fa sentire profumo di casa e di famiglia…un gusto genuino e speciale sicuramente da provare e personalizzare come meglio credete: provate a inserire anche dell’uvetta nell’impasto, dei pinoli o gocce di cioccolato e ovviamente accompagnatela, magari intipidita, con un pò di gelato alla crema…connubio perfetto.

Io ringrazio la mia mamma per la ricetta, provatela anche voi e fatemi sapere.

S.

Intollerante al lattosio? TORTA ALBUMI

Ciao Amici,

eccomi stasera a proporre una ricetta tanto richiesta da coloro che soffrono di intolleranza al lattosio: una torta semplicissima e molto gustosa, per una colazione che soddisferà a pieno la vostra golosità. Mi sono scervellata un pochino per trovare una ricetta e poi ho colto due piccioni con una fava: ricetta senza lattosio + molti albumi da smaltire (restati dalla crema pasticcera preparata qualche giorno fa). Quindi perchè non provare questa torta solo Albumi…pochi ingredienti, velocissima e davvero personalizzabile per tutti i gusti. Partiamo con la preparazione allora.

INGREDIENTI

  • 7 Albumitorta albumi
  • 130 gr zucchero
  • 100 gr farina
  • 2 cucchiai di succo di limone (o essenza di limone)
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bustina lievito per dolci

PREPARAZIONE:

Montare gli albumi a neve fermissima con 80 gr di zucchero, il lievito e la vanillina.

La prova del nove degli albumi montati a neve ferma? Ribaltare la ciotola senza timore e l'albume non da segni di muoversi :)

La prova del nove degli albumi montati a neve ferma? Ribaltare la ciotola senza timore e l’albume non da segni di muoversi 🙂

A parte miscelare la farina con il restante 50 gr di zucchero.

Mettere poi il composto solido nell’albume montato e mescolare dal basso verso l’alto con una spatola. Solo in ultimo aggiungere il limone.

torta albumi

Infornare in una teglia di 18-20 cm non imburrata ne infarinata e cuocere a 170° per 40 minuti circa (fare sempre la prova dello stecchino per verificarne la cottura).

torta albumi

Farla raffreddare a testa in giù su una gratella e sbatterla lievemente (una volta raffreddata) per staccarla dalla teglia.

Le decorazioni possono essere tantissime: semplice zucchero a velo, tagliarla e farcirla con la marmellata, o con la crema spalmabile al cioccolato, con la crema pasticcera o con qualsiasi cosa vi possa piacere. E’ quindi una ricetta ideale per intolleranti al lattosio (non prevedere nè burro, nè latte, nè yogurt) ma allo stesso tempo golosa e invitante per chi non lo è, sopratutto se farcita a piacere.

La mia versione per una colazione super light prevedere solo zucchero a velo

La mia versione per una colazione super light prevedere solo zucchero a velo

 

Questa mattina l’ho portata per colazione al lavoro. Grazie a chi ha apprezzato e a chi proverà a farla..fatemi sapere come è andata!! A noi è piaciuta molto 🙂

S,

torta albumi torta albumi

Grazie Carmen per la posa :)

Grazie Carmen per la posa 🙂

Muffin Cocco e More

Ciao Amici,

quest’oggi vi propongo una ricettina veloce che ho provato a fare sabato per una merenda speciale. Avevo visto la ricetta tempo fa e mi ero giurata di rifarla al più presto..quale occasione migliore. Io adoro i muffin, ma come sempre ho qualche problema nel farli..non so ben distribuire il composto nei pirottini, quindi mi vengono sempre delle mini torte!! 😛 Questa ricetta secondo me era per circa 10/12 muffin, ma a me sono venuti 7 giga muffin!!! Buonissimi, ma forse un pò troppo grossi: vedete voi come li preferite, più piccini oppure più belli sostanziosi (dipendere un pò dall’appetito che avete!!)

INGREDIENTI

Per impasto base:muffin

  • 2 uova
  • 50 gr burro morbido
  • 200 gr farina
  • mezza bustina lievito
  • 120 gr zucchero
  • 2 cucchiai farina cocco

Per composto di more (in alternativa usare marmellata già pronta di more):

  • 100 gr more
  • 100 gr zucchero semolato
  • succo di limone

Per la crema al cocco (usata come decorazione):

  • 50 gr formaggio spalmabile
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai farina di cocco

PREPARAZIONE:

Preparare la composta di more mettendo le more, lo zucchero e il limone in un pentolino e schiacciandole con una forchetta: a fiamma bassa sciogliere il tutto, mescolando, fino a quando non si sarà leggermente addensato. Lasciar dunque raffreddare.

muffin

Per preparare i muffin mettere in una terrina il burro con lo zucchero creando una crema, unire poi le uova e mescolare ancora, per ultimo aggiungere la farina 00 e quella di cocco con il lievito e mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo.

muffin muffin

Mettere due cucchiai di impasto nel pirottino, al centro un cucchiaino di composta di more e ricoprire poi con altro impasto. Io ovviamente ho sbagliato un pochino le dosi: mi sono usciti pochi muffin e non avevo abbastanza impasto poi per ricoprire…vedete un pò voi come organizzare la creazione, ma mi raccomando state cauti con il primo cucchiaio di impasto, se no davvero non ve ne avanza per la copertura. Infornare a 180° per 20 minuti circa. Una volta cotti lasciar raffreddare.

muffin

A me è ‘sbordata’ un po la composta di more, avendo usato poca pasta per richiudere!

muffin

Per preparare la decorazione miscelare il formaggio spalmabile con lo zucchero e la farina di cocco. Ecco il risultato

muffin muffin muffin

Come dico sempre io non si sbaglia se non si cucina: il piccolo errore di prima (di misurazione della porzione di impasto) che ha fatto strabordare la composta di more è stato esteticamente coperto da questa decorazione. Come si suol dire che sbagliando si impara ma ingegnandosi si riesce anche a sopperire l’errore. Guardate come sono carini ora i muffin: cocco e more accoppiata azzeccata. Fatemi sapere se è cosi anche per voi!!!! 🙂

A prestisssimo

S.