Frutta

Torta fredda allo yogurt

Ciao a tutti

lo so che ormai è arrivato l’inverno, che siamo già in vista del Natale, che è ora di accendere il forno e preparare super crostate e torte cioccolatose, ma stavolta voglio riproporre ancora un dolce che non necessità di cottura: lo so, non è più estate, ma un dolce fresco ci sta anche di inverno, un pò come il gelato…dopo una cena o un pranzo consistenza, con la pancia bella pesante, solo un dolce di questo tipo può concludere al meglio senza appesantire ulteriormente. Questa torta l’ho preparata la prima volta per un compleanno quest’estate e l’ho riproposta per il compleanno della mia mamma (a seguito di una pizza!!). Io l’adoro!! E’ un dolce fresco, non impegnativo e che accontenta tutti i palati. E’ semplice da preparare…ecco a voi come fare

INGREDIENTI:1c899de0-c005-4223-9bfd-34095d11995a

  • 250 gr biscotti secchi
  • 125 gr burro
  • 600 gr yogurt bianco
  • 200 gr panna
  • 3 fogli colla di pesce
  • 3 pesche (Io ho usato quelle in sciroppo lasciandole sgocciolare prima di utilizzarle)
  • 300 gr frutti di bosco (vanno bene anche congelati) /o solo lamponi, o solo more (come preferite)
  • 100 gr zucchero
  • 2-3 cucchiai latte
  • 180 ml acqua
  • 2 cucchiai amido di mais
  • 50 zucchero a velo

PREPARAZIONE:

Come in tutte le torte fredde si comincia a preparare la base: anche qui la base è fatta da biscotti secchi e burro liquefatto, che creeranno un composto compatto e buonissimo! Ridurre in polvere i biscotti con l’aiuto di un robot da cucina e mescolarli con il burro fuso e freddo. Mescolare bene e versare sul fondo di una tortiera a cerchio apribile rivestita di carta forno sia sulla base che sui lati (va benissimo una tortiera di 22 cm diametro). Riporre in frigo per almeno mezz’ora.

6c297e41-9bfa-43d1-ae57-1fe00ee02b5a 3b6b62ad-bd2d-4a4e-bbf6-4c31269fed8a 72e9b76f-2ade-46b5-8597-959c3d88c5f0

La crema che comporrà la torta è a base di yogurt e panna, quindi adatta a chi non piacciono i formaggi (e ne conosco diversi!!). Per prepararla basta mescolare in una terrina lo yogurt con lo zucchero e unire poi la colla di pesce (ammorbidita prima in acqua) precedentemente strizzata e sciolta nel latte caldo.

51f51181-daa2-47be-a716-30088e29fc30 72f218ca-8c55-46f7-951e-06fdcfbbb9c1 d39203f2-3784-41ab-9b5d-e34c8b23954f

A questo punto aggiungere la panna montata delicatamente e le pesche a pezzi. Versare sulla base di biscotti, livellare e trasferire in frigo per almeno un paio di ore

66cd3da4-dff5-427f-98f8-c19884d5e509 cfffb5f8-9dd7-4e63-8fc6-59c917961040

Intanto che la torta raffredda preparare il topping: altro non è che uno strato di frutta gelatinoso che va a ricoprire la superficie della torta in maniera uniforme creando uno strato compatto adatto ad accogliere le decorazioni. E’ molto facile da preparare ed è davvero ottimo per torte di questo tipo, sopratutto perchè può essere fatta con diversi frutti, dalle more, ai frutti di bosco, le fragole o le pesche e al melone.

Preparare il topping frullando i frutti di bosco (scongelati), aggiungere l’acqua, lo zucchero a velo, l’amido di mais e frullare ancora. Versare così il composto in un pentolino e mettere sul fuoco mescolando per non fare formare grumi: il composto dovrà risultare lucido. Togliere così dalla fiamma e fare riposare 5 minuti.

41ee17b1-d16c-4813-9e99-094580eb963b 498af738-bab5-429f-9cd6-01516fb5ef48 15f9ac50-d976-4c96-aca1-7a478edeaf67

Una volta passato il tempo di posa la torta può essere decorata con il topping, per poi lasciarla riposare almeno un paio d’ore in frigorifero. E’ possibile decorarla come si desidera: panna montata, frutta fresca o lasciarla così, lucida e al naturale. La torta è buonissima, facile da preparare e molto più buona di quelle già pronte prodotte da famose marche. Provatela anche voi e fatemi sapere se vi è piaciuta. Davvero una freschezza, un sapore delicato con pesche e frutti di bosco!!!

S,

30549c56-13da-46fe-a1f9-15c3e3569265 951456d8-e17b-458b-81f5-4c32d528b0e3 9f7fae26-aa97-48a9-925b-dbe788589b70

 

La torta di mele..della Mamma!

Ciao a tutti

quest’oggi ho deciso di postare una ricetta che onestamente non mi fa impazzire, ma solo per gusto personale: una choco lover come me non è molto amante di torte con la frutta, ma diciamo che bisogna sperimentare un pò tutto nella propria attività di pasticcera e accontentare un pò anche i gusti degli altri e non solo i proprio. Per quanto riguarda le torte a base di frutta in casa c’è la mamma che è la massima esperta: lei con il suo quadernetto delle ricette dispensa ottimi consigli e diciamo che il suo cavallo di battaglia è proprio quello che oggi vorrei proporvi, la torta di mele. La classica torta da colazione, da merenda, da serata in cui non si ha voglia di cenare ma solo di mangiare un bel dolce…una torta che ognuno una volta nella vita deve provare a fare (anche perchè è davvero semplicissima). Provare per credere.

INGREDIENTI:

  • 150 gr farinaTORTA DI MELE TORTA MELE
  • 50 gr maizena (o la fecola di patate)
  • 125 gr burro
  • 150 gr zucchero
  • 2 tuorli
  • 1 uovo intero
  • 4 mele tagliate a cubetti (meglio usare le “Renette”)
  • 1 bustina lievito
  • mezzo bicchiere latte

PREPARAZIONE:

Cominciamo la preparazione di questa torta che è davvero molto semplice:

  • Sbattere con le fruste i due tuorli e l’uovo intero con lo zucchero fino a ottenere una crema chiara e spumosa
  • Unire quindi il burro fuso precedentemente e ormai raffreddato
  • Setacciare insieme farina, maizena e lievito
  • Sempre montando con le fruste aggiungere un pò per volta il composto di polveri sempre usando il setaccio
  • Quando le polveri saranno completamente incorporare, abbassate la velocità delle fruste elettriche e versare il latte a filo a temperatura ambiente: quando il latte sarà ben incorporato fermare le fruste che l’impasto è pronto
  • Tagliare le mele a cubetti e versarle nell’impasto: mescolare delicatamente dall’alto verso il basso con un mestolo per non smontare il composto
  • Imburrare e infarinare una tortiera da 24 cm e versare l’impasto: deve cuocere a 180° per 40 min circa (fare sempre la prova dello stecchino!)
  • Una volta sfornata cospargere di zucchero a velo a piacere solo una volta raffreddata

Ecco com’è venuta questa dolcissima torta

TORTA DI MELE eb0b5866-b7d9-4c3f-aa3b-80cd21020eac ceac3016-4fbd-4626-9c0d-5f99bd9c63f5

Una torta che solo il semplice profumo vi farà ritornare bambini, che già di per sé fa sentire profumo di casa e di famiglia…un gusto genuino e speciale sicuramente da provare e personalizzare come meglio credete: provate a inserire anche dell’uvetta nell’impasto, dei pinoli o gocce di cioccolato e ovviamente accompagnatela, magari intipidita, con un pò di gelato alla crema…connubio perfetto.

Io ringrazio la mia mamma per la ricetta, provatela anche voi e fatemi sapere.

S.

Torta morbida all’Ananas

Ciao Amici,

vi voglio lasciare questa ricettina molto facile ma gustosa, ideale come dopo cena o per una dolce merenda: se siete amanti di ananas, il connubio con la crema pasticcera e un impasto morbido è perfetto. Servono pochissimi ingredienti e poco tempo (io l’ho preparata dopo cena prima di andare a letto qualche sera fa) ma sicuramente non durerà a lungo sui vostri piatti!!

INGREDIENTI

Per la base:

  •  2 uova
  • 100 gr di zucchero
  • 80 gr di burro
  • 100 ml di latte
  • 150 gr farina
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci

Per la crema pasticcera:

  • 4 tuorli
  • 40 gr farina
  • 100 gr zucchero
  • 400 ml latte
  • aroma di limone

Per la decorazione:

Ananas sciroppata in scatola o fresche e ciliegie candite

PREPARAZIONE:

Iniziamo a preparare la base: la particolarità di questa torta è di non avere la classica base di pasta frolla ma utilizzare una base morbida tipo pan di spagna che deve essere preparata in uno stampo “furbo”, quello che ha la scanalatura sulla base che permette di realizzare la farcitura una volta capovolta la base, è il classico stampo per crostata ma non ha la base piatta. In una ciotola montare le uova con lo zucchero a cui andranno aggiunti il burro fuso tiepido e il latte. In ultimo aggiungere farina e lievito.

a33906e7-5648-4c7d-aaf2-b6881de3ace3 ef877866-a3b1-4baa-bfe8-23eb6a07c323

Lavorare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Quindi, imburrato ed infarinato lo stampo, versare l’impasto al suo interno ed infornare in forno già caldo a 180° per 20 minuti. Una volta pronta farla raffreddare su una gratella. Ecco nelle foto come dovrebbe venire: non tanto altra e il retro ora diventa la nostra base in quanto nell’incavo che si è creato metteremo la crema pasticcera.

9370b1d2-af6e-4f3a-9705-32e2270411e1 e487566b-11a2-4a66-8893-1b75a1197b84 adfc774d-f7b0-434a-8059-b7690ec400b0

Per la crema pasticcera utilizziamo sempre il solito procedimento: in una terrina montare i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata. Infine versare il latte caldo a filo nel composto e mescolare. Trasferire la crema in un pentolino da fondo spesso, aggiungere l’aroma o il succo di limone e cuocere la crema mescolando di continuo per non far creare grumi.Lasciar quindi bollire la crema fino a quando non si addensa. Coprire la base con la crema pasticcera ancora calda e livellate fino a formare uno strato omogeneo di farcitura

f855eff4-28a2-41f8-bc59-ba61b05152ce 2045b98e-9fb0-4b52-ad16-78217681e2a1

Ora la nostra torta è pronta per essere decorata: io ho usato l’ananas confezionata in latta e delle ciliegie candite. Ecco come è venuta:

34e3340d-05b5-4740-af64-d09c7388b725 7e999de5-9bac-495c-b4a4-02bed6a4cad7 0f86ea6c-3e92-4e4a-b74b-ab8ec1ada4dd

Mi raccomando resistete almeno un oretta prima di mangiarla, lasciatela rassodare un pochino nel frigorifero che così prende tutto il sapore che merita. A me, ai miei genitori e al mio ragazzo è piaciuta molto, una torta fresca e leggera e non troppo impegnativa da preparare: e poi che dire, davvero un bell’impatto visivo se si gioca un pò con la decorazione. Dolce che fa bene alla pancia ma anche agli occhi. Provate anche voi!!!

S.

BERTOLINA: la torta della mia città!

Ciao Amici,

è arrivato settembre e a Crema (mia bellissima città natale) si festeggia la ‘Sagra della Bertolina’: la piazza del Duomo, le vetrine delle pasticcerie, le case di quasi ogni cremasco sono invase da questo dolce tipico: una torta che vede come protagonista l’uva fragola (o ‘uva americana’). Settembre è tempo dell’uva e qui a Crema non si può evitare questo rito di preparare un bel dolce: insieme ai tortelli cremaschi compongono un bel pasto tipico! Come ogni tradizione che si rispetti la ricetta è unica, ma di casa in casa, di esperto in esperto, qualche modifica nel tempo è stata apportata ed attualmente (mi sono documentata) esistono tre versioni di questa torta: una che la fa assomigliare più a una crostata, con utilizzo quindi di una frolla, un’altra che segue una ricetta molto simile a una torta soffice, la terza invece (quella che vorrei proporre) prevede un impasto lievitato che porta alla consistenza quasi di un pane dolce. Non so quale sia l’originale, ma vi assicuro che sono molto buone tutte e tre, e vi prometto che prima che termini il periodo dell’uva fragola vi fornirò anche le altre ricette. Per oggi iniziamo con la terza proposta, che spero possa piacervi.

INGREDIENTI:

  • 350 gr Farina 00bertolina
  • 150 gr Farina Mais Fioretto (quella da Polenta)
  • 2 cucchiai di Olio
  • 12 gr Lievito Fresco
  • 300 ml Acqua tiepida
  • pizzico di Sale
  • 120 gr Zucchero Semolato
  • 600 gr Uva Fragola

 

PREPARAZIONE:

Miscelate le due farine, il sale, 90 g di zucchero. Aggiungete l’olio e il lievito sciolto in metà dell’acqua tiepida. Incorporate il resto dell’acqua a poco a poco, dovrete ottenere un impasto molto morbido.

bertolina bertolina

Dopo averlo impastato bene, trasferitelo in una ciotola infarinata e fate lievitare per un’ora o fino al raddoppio di volume (Io ho coperto la ciotola con un canovaccio e l’ho lasciata riposare nel forno spento con la luce accesa). Nel frattempo, prelevate tutti gli acini dai grappoli di uva fragola, lavateli e lasciateli sgocciolare su di un colino nell’attesa dell’impasto. E’ essenziale utilizzare l’uva fragola perché è croccante, dolce, piccola e soda al punto giusto per fare questo dolce: non deve essere denocciolata perché si perderebbe la forma tonda e perfetta che resta anche durante la cottura e sopratutto si perderebbe la nota croccante tipica di quando si sgranocchiano i semini.

bertolina

Quando l’impasto sarà pronto, sgonfiatelo delicatamente aggiungendo e incorporando metà dell’uva fragola. Mettetelo quindi in una teglia circolare rivestita di carta da forno  (oppure oliata e infarinata) e distribuitevi sopra il resto dell’uva affossandola leggermente con le dita. Cospargete con lo zucchero rimasto e lasciate gonfiare di nuovo la torta per circa 30 minuti.

bertolina bertolina

Quindi, infornatela a 180 gradi per circa 50 minuti: dovrà risultare dorata e ben cotta all’interno (fare la prova dello stecchino). Sfornate la torta Bertolina e lasciatela raffreddare prima di servire.

bertolina bertolina  bertolina

Ecco come è venuta una svolta sformata!!! Alta, soffice, bella piena d’uva fragola: attenzione mentre la mangiate perchè questa uva tende a sporcare molto facilmente le dita e la bocca di un color porpora acceso. Provate anche voi a farla, vi piacerà sicuro!! Prossimamente posterò le altre versioni, così che possiate provarle e scegliere la vostra preferita!! Nel mentre venite a Crema questo mese per assaggiarla alla Sagra della Bertolina!!! Vi aspetto!!

S.