Iniziamo

Caprese al limone

Un amore che è nato durante le ultime vacanze estive…prima di partire per un viaggio io mi documento (ancora prima di decidere dove dormire) su dove mangiare il dolce tipico più buono di tutti. Una vacanza con il mio amore a Napoli e poi qualche giorno in costiera Sorrentina, l’idea di arrivare fino a Capri (poi sfumata a causa di un traghetto e di un vento troppo forte) ma nulla mi ha privato dall’assaggiare la torta più buona della zona..la torta caprese! Versione al cioccolato o al limone, entrambe sono buonissime… l’accostamento cioccolato bianco, mandorle e limoni poi è una bontà superlativa! Tornata a Milano ho assaggiato l’eccellenza di questa torta, la versione del pasticcere più famoso della Costiera Amalfitana, Sal De Riso…una fetta di caprese al limone che mi ha estasiato.. ho subito preso la ricetta ufficiale e oggi ve la voglio proporre..comincerete ad assaporare un pò di Costiera Amalfitana anche a casa vostra, nell’attesa di nuove vacanze estive.

INGREDIENTI53d6d6df-1a80-42ab-83ba-d1677046682e

  • 200 gr di Mandorle pelate
  • 120 gr Zucchero a velo
  • Vanillina
  • Filetta di Aroma Limone
  • Buccia di due limoni grattugiata (Limoni non trattati che hanno più sapore)
  • 180 gr cioccolato bianco
  • 50 gr fecola di patate
  • 5 gr lievito per dolci
  • 5 uova
  • 60 gr zucchero
  • 100 ml olio extra vergine d’oliva

PROCEDIMENTO:

Il procedimento per preparare questa torta è veramente molto semplice e veloce, con solo un paio di passi un po’ noiosi che poi vi dirò. Vi consiglio di usare limoni non trattati e se vi piace aggiungere scorza di limone candita (circa 30 gr)

In primis in una terrina capiente (o nella planetaria) montare le uova con lo zucchero fino a triplicarne il volume: in questa fase si porta nell’impasto molta aria, che renderà il nostro dolce molto morbido

93807759-cfbf-4753-95db-84c2d37917f3 d0b800bb-f133-4847-8fc1-b720b1095560

Frullare a parte le mandorle, insieme a un po’ di zucchero a velo (è essenziale perché le mandorle tendono a rilasciare olio e questo consentirà di non creare una poltiglia). Una volta tritate miscelarle insieme allo zucchero a velo in una bacinella,

554ee67d-5fb5-40e3-8e86-ee6c6cc64366 b5de41ad-0fd8-4260-b5dd-c4bac2c89331

e poi aggiungere la fecola setacciata con il lievito, il cioccolato grattugiato finemente e la scorza di limone grattugiata. Questi ultimi due passaggi sono un po’ noiosi: non è facile grattugiare 180 gr di cioccolato bianco, lo so, ma non demoralizzatevi, pian piano si riesce.

37d638c7-c865-4898-8aa4-1a65e5110c5e 55bce2ba-571f-44b5-b51b-4f5ecb3e211d

Mescolare il tutto e aggiungere poi la parte liquida, quindi l’olio e il composto montato di uova.

b7762fce-880b-4c19-b168-fcaabfc0df8b 6c625294-b99a-448e-9e26-ad60ac06ef54

Mescolare così con un cucchiaio, fino ad ottenere un impasto fluido.

Versare il composto in una tortiera di 22 cm imburrata e infarinata con la fecola di patate. Cuocere a 200° i primi 5 minuti e poi abbassare a 160° per i restanti 45 minuti.

97569d00-dc77-4b20-9523-7fef9b6109da d1a11da1-3823-4b12-b050-e29ba158ea13

Lasciare riposare il dolce nello stampo per un paio d’ore prima di toglierlo: una volta sformato poggiarle la torta su un piatto da portata e spolverizzare con zucchero a velo decorando come preferite. La tradizionale solitamente riporta la scritta “Caprese” e un disegno stilizzato dei faraglioni di Capri, io mi sono sbizzarrita facendo uno stencil home-made a forma di Limone 🙂

e83f4297-31f9-497c-910f-d60c9d737bf4 c5371c23-d807-4528-ba90-aa18ae4b801e 5cec9901-f2d6-43d3-bfb7-c6bba4a2b9d7

Ecco a voi la torta caprese per eccellenza..morbida, fresca, dolce accostamento di mandorle, cioccolato bianco e limone che è davvero superlativo. Provatela subito.. non utilizzando farine è una ricetta ottima anche per Celiaci. Fatemi sapere se vi è piaciuta!!! 🙂

S.

Torta Russa di Verona

Ciao a tutti,

oggi prepariamo insieme una torta tipica di Verona ma dal nome che con questa città proprio non centra nulla…la torta russa!!!L’origine del nome è dubbia: c’è chi dice che derivi dalla sua particolare forma che ricorda un colbacco (il copricapo caratteristico dei popoli russi) mentre secondo altri dal suo essere stata inventata da un pasticcere veronese che lavorava sulle navi da crociera nei mari del nord. Io l’ho conosciuto perché proprio in questa graziosa città ne ho mangiata la prima fetta e me ne sono innamorata: uno squisito dolce, un aroma intenso di mandorle e amaretti all’interno di un croccante guscio di pasta sfoglia. Connubio perfetto per accompagnare una bella tazza di tè fumante no? Provatela anche voi…è davvero economico e semplice nella preparazione, ma molto saporito e particolare nel gusto, ve lo assicuro!!

INGREDIENTI:

  • Un rotolo di pasta sfoglia rotondadd708114-0762-4fc6-9b9b-ca590e019f44
  • 100 gr di amaretti
  • 100 gr di mandorle pelate
  • 200 gr di zucchero
  • 200 gr burro
  • 3 uova
  • 170 gr farina
  • una bustina di vanillina
  • mezza bustina di lievito

 

PREPARAZIONE:

Iniziamo preparando il ripieno montando a crema le uova con lo zucchero. Nel mentre tritiamo grossolanamente, con l’aiuto di un mixer, le mandorle e gli amaretti.

676b4910-da39-49bd-b010-1ecbccf864eb e5b56117-eb6c-455d-9d41-8490ededdbd6 067befbb-ef10-45de-8948-090a3c133035

Unire quindi al composto di uova e zucchero tutti gli ingredienti a poco a poco continuando a mescolare: la farina setacciata con il lievito e la vanillina, in seguito il burro sciolto e raffreddato e per ultimi le mandorle e gli amaretti tritati.

6da55813-623a-415a-b402-4c0e5d9d05c3 74649006-b8bb-428d-abb0-86c02df296f1 227c0603-5de9-40ea-9a72-4554bcfc32a1

Quando tutti gli ingredienti sono ben amalgamati, stendere la pasta sfoglia e foderare una tortiera di circa 20-22 cm: è importante lasciare i bordi abbastanza alti che escano all’esterno della teglia perchè dovranno poi coprire un pochino il ripieno. Io ho lasciato la carta da forno che era già presente nella confezione della pasta, in alternativa imburrate e infarinate la tortiera. Versare quindi il composto e coprire più possibile con i bordi eccedenti.

b723d644-42ea-4b76-a8d9-16cf975cdf9ea6d001ac-6ae0-422a-bbcf-4ed3c0476a96

La torta deve essere cotta a 180° per circa 45 minuti: prestate attenzione che la torta non si scurisca troppo in superficie..in caso copritela a metà cottura con un foglio di carta da forno per evitarlo. Vi consiglio di lasciarla raffreddare prima di mangiarla, per di più il giorno seguente è ancora più buona!!!!

Per chi è intollerante al lattosio consiglio comunque questa ricetta utilizzando al posto del burro la margarina.

Ecco com’è venuta!!! Io l’adoro!!La pasta sfoglia croccante, il ripieno morbido e rustico con le mandorle e gli amaretti..davvero un dolce della tradizione che piacerà a grandi e piccini!!! Provate per credere!!!

8aa489e6-41ee-4eaa-9374-d24f3352f997 94eb4e0c-a540-4992-bf8a-0e7033d8b802 bf627179-c045-49b1-99dd-8f20b080c166

S.

Pizza Homemade

Buongiorno amici!!

Quest’oggi faccio una piccola eccezione alla regola su questo blog e ho deciso di pubblicare la ricetta salata. Al corso di pasticceria abbiamo imparato anche a fare la pasta sfoglia e a fare delle pizzette, degli stuzzichini e delle torte salate, ma la pasta della pizza non l’avevo mai fatta! Con la planetaria ho scoperto che è davvero velocissima da preparare ma, come tutti i lievitati, bisogna avere molta molta molta pazienza nell’attendere che si possa utilizzare. Cioè in realtà non è vero, se si desidera si può aspettare anche poco tempo, ma la pizza risulterà molto meno digeribile e soffice. Comunque ho voluto provare a fare la pasta in casa: ho iniziato circa alle 14 per riuscire a lavorarla alle 18,30 circa, ma volendo potete anche prepararla la mattina o addirittura il giorno prima perché più lievita meglio è. Ecco gli ingredienti:

INGREDIENTI (per 5 persone che hanno “abbastanza fame”)

  • 600 ml acqua in bottiglia e temperatura ambienteIMG_20170909_132234-min
  • 1 kg farina tipo 0
  • 60 gr olio oliva
  • 1 cubetto di lievito di birra fresco da 25 gr
  • 1 cucchiaio di sale
  • 1 cucchiaio di miele

Per farcire la pizza ovviamente ingredienti a piacere.

 

PREPARAZIONE:

Iniziamo con l’attivazione del lievito sciogliendo il cubetto in 100 ml di acqua con un cucchiaio di miele: questo permetterà al lievito di attivarsi perché comincerà a mangiare gli zuccheri del miele. Una volta sciolto lasciarlo in pausa per circa 15 minuti per consentirne l’attivazione che si manifesterà con la presenza di bollicine sulla superficie del composto.

IMG_20170909_132546-minCattura

Setacciare ora la farina in una ciotola e aggiungere man mano il liquido con il lievito, piano piano per consentire alla farina di inglobare il miscuglio piano piano. Procedere poi aggiungendo lentamente l’acqua restante, poco alla volta. Quando manca poca acqua d’aggiungere all’impasto, scioglierci il cucchiaio di sale sufficiente e unirla. Io avendo la planetaria ho fatto tutto meccanicamente (questa fase a velocità molto lenta), ma se non l’avete potete procedere a mano senza problemi. Una volta inglobata tutta l’acqua aggiungere l’olio e cominciare a impastare molto più velocemente su un piano di lavoro (o se usate la planetaria aumentate a velocità 6 o comunque massima). Ci vorrà una bella lavorazione o olio di gomito per ottenere un bel panetto liscio ed omogeneo, ma ne vale davvero la pena un po di sforzo ed attesa.

IMG_20170909_140253_BURST003 IMG_20170909_140451-min

Mettere il panetto in una ciotola precedentemente oliata, coprire con un canovaccio per evitare sbalzi di temperatura e mettere in un luogo asciutto (come il forno spento). Lasciar dunque lievitare per almeno 3 ore. Una volta trascorso il tempo toglierlo dalla ciotola e dividerlo in due parti, una più grande e una più piccola, e coprire con la carta da forno le due teglie: io ho usato la leccarda del forno e poi una rotonda più piccola. Per stendere l’impasto non serve nessun mattarello, semplicemente con le dita spingere l’impasto verso l’esterno fino a coprire tutto lo spazio, dovrebbe essere molto malleabile.

IMG-20170909-WA0021IMG-20170909-WA0022

Bucare con una forchetta la superficie dalla pasta per evitare che crei gobbe durante la cottura ed ora…farciamo!!! Io ne ho preparata una con pomodoro (meglio passata rustica con aggiunta di origano), mozzarella, prosciutto e acciughe, mentre la rotonda l’ho condita con pomodoro, scamorza e funghi. Comunque davvero, qui l’imbarazzo della scelta.

IMG-20170909-WA0024 IMG_20170909_185338-min IMG-20170909-WA0023

Per la cottura preriscaldare il forno a 200°C e infornare i primi 5 minuti solo con il pomodoro, poi altri 5 con la mozzarella e i restanti (che indicativamente saranno altri 25 min) con tutto il condimento. Tenete sempre d’occhio comunque la cottura perchè ogni forno è diverso l’uno dall’altro e sopratutto dipende se vi piace più morbida o più croccante.

IMG_20170909_191858-min IMG_20170909_194212-min IMG_20170909_195200_1-min

Ecco dunque la mia versione della pizza homemade. L’impasto è davvero veloce da preparare, un pò meno l’attesa della lievitazione, però davvero molto più buona di quelle surgelate e poi una grande soddisfazione averla preparata dall’inizio alla fine ne? Provate anche voi e fatemi sapere come è andata…sbizzarritevi a più non posso con le farciture e i gusti…non ne avanzerà neanche una fetta, e se in caso dovesse non preoccupatevi..il giorno dopo è ancora più buona!!!

S.

 

 

Siamo alla frutta…per fortuna poi arriva il Dolce!

Ciao a tutti!!!

E’ così che oggi inizia questa avventura, proprio la domenica prima del rientro a lavoro dopo le vacanze estive…scelta ardua per iniziare a scrivere un blog, ma ne ho proprio bisogno. Oggi sono arrivata alla frutta in tutti i sensi e c’è bisogno di dolci per riuscire a superare questa ripartenza! C’è chi è ancora in ferie, c’è chi le ferie non le ha fatte oppure chi le ha terminate…tutti, oggi più che mai, per un motivo o per l’altro, abbiamo bisogno di Dolci: voglio iniziare questo viaggio con voi, sperando che sia piacevole e che vi faccia scoprire come è bello cucinare, mangiare e regalare qualcosa fatto con le proprie mani.

Io non sono una professionista, anzi di lavoro faccio tutt’altro (8-9 ore davanti al computer di un ufficio!) ma la cucina, sopratutto la pasticceria, da un anno a questa parte è diventata una passione. Ho frequentato un corso di pasticceria nella mia Città (Crema, nome più dolce non si può!) e ora mi diletto a sperimentare prelibatezze per me, ma sopratutto per gli altri.

Un dolce può risollevare la giornata, può regalare un sorriso a chi è triste, può appagare la vista e la pancia, ma sopratutto, bello o meno bello che sia, se fatto con cuore, ricordate che, risulterà sempre un dono speciale.

A brevissimo comincerò a pubblicare qualche ricetta che spero apprezzerete.

Se volete scrivermi lasciate pure commenti a seguito, mi farete molto contenta e sarà un piacere rispondervi.

 

A presto

S.